Baci sulla bocca ai bambini: sì o no?

da , il

    Baci bocca bambini

    Baci sulla bocca ai bambini? , ma anche no. Nel senso che se è vero che non vanno banditi e demonizzati come una pessima abitudine deleteria per la crescita dei piccoli di casa, è altrettanto vero che andrebbero limitati a una fase della vita del bimbo, ai suoi primi due, tre anni e non oltre. Infatti, con il passare del tempo, questa pratica di mamma e papà di dimostrare il loro affetto baciando sulle labbra i bambini rischia di diventare controproducente.

    Il bacio sulla bocca ai bambini, un argomento che fa discutere anche le mamme e i papà più aperti al dialogo. Un argomento che divide e che non ha regole e linee guida davvero univoche. In linea generale, però, è ormai assodato, complici anche i pareri espressi da numerosi esperti in materia, che il bacio sulla bocca può essere ammesso solo in tenera età, dalla nascita fino ai due o tre anni, non oltre. Perché? Perché, anche se molti non lo sanno o stentano a crederlo, dai tre, quattro anni di età i bambini crescono e passano dall’innocenza pura a un’altra fase della loro giovanissima vita, in cui cominciano a scoprire, oltre al senso del pudore, senza alcuna nota di malizia, la loro sessualità. Quindi, un bacio sulle labbra ricevuto dalla mamma o dal papà rischia di generare fraintendimenti e confusione e potrebbe perfino scatenare imbarazzo e timori, stimolando fantasie erotiche strane.

    Ma non solo. Il bacio sulla bocca dato dai genitori come abitudine che non passa negli anni potrebbe essere interpretato dai bambini più grandicelli come un gesto assolutamente normale e, come tale, tranquillamente replicabile in ogni contesto sociale. Un esempio classico: il bimbo abituato a ricevere tali dimostrazioni d’affetto in casa sarà più propenso a restituirle anche a scuola o al parco, al compagno di banco o all’amichetto con cui divide l’altalena, il che rischia di creare imbarazzi e problemi.

    Quindi, sì al bacio sulla bocca, se proprio mamma e papà non riescono a resistere, nei primi mesi di vita del bambino. Ma poi meglio abbandonare questa abitudine e dimostrare il proprio affetto incondizionato al pargolo in mille altri modi possibili, con coccole e abbracci, frasi dolci e baci sulle guance, per esempio. Da ricordare, poi, che il bacio sulla bocca dei più piccoli dovrebbe essere un gesto a esclusivo appannaggio di mamma e papà, non di altri amici e parenti, e che tutti dovrebbero evitare in presenza di malattie da raffreddamento o altre infezioni, perché il canale oro faringeo è la porta d’accesso più facile e immediata per virus e batteri.

    Dolcetto o scherzetto?