“Baby Illusion”: per le mamme l’ultimogenito resta sempre il “piccolo” di casa

da , il

    Baby-illusion

    L’ultimogenito può avere 40 anni, portare il 40 di scarpe, avere una famiglia tutta sua… ma per la mamma resterà sempre il “piccolo” di casa! Altro che dicerie, il fenomeno è reale e denominato dagli esperti “Baby Illusion”. Trattasi di una sindrome che colpisce la gran parte delle madri pluripare, portandole a percepire l’ultimo arrivato realmente più basso rispetto ai fratelli maggiori.

    La sindrome denominata “Baby Illusion”

    La sindrome denominata “Baby Illusion” esiste davvero, a dimostrarlo niente meno che un team di ricercatori australiani della “Swinburne University of Technology”. Ben il 70% delle 747 madri pluripare intervistate dagli studiosi hanno mostrato una percezione distorta della statura dell’ultimogenito, ritenendolo alto mediamente 7,5 cm in meno della realtà, a fronte di una corretta percezione della statura dei fratelli maggiori, che secondo altri studi sarebbero più intelligenti dei cuccioli di casa. La cristallizzazione dei ruoli familiari ha un ruolo marginale in tutto ciò, difatti la “Baby Illusion” dipende più che altro dal bisogno psicologico della madre di fermare la crescita dell’ultimo figlio.

    Jody Kaufman, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, spiega che l’illusione può essere spezzata solo con l’arrivo di un nuovo bebè, determinando la sensazione che i fratelli maggiori siano diventati grandi di colpo: “Al contrario di quanto si potrebbe pensare ciò non è dovuto soltanto al fatto che il figlio maggiore sembra molto più grande rispetto al neonato, ma accade perché fino a quel momento i genitori hanno vissuto l’illusione che il primo figlio fosse più basso di quanto non sia in realtà. Quando nasce il nuovo bambino, l’incantesimo si rompe e il primogenito appare finalmente nelle sue dimensioni reali”.