Asilo nido: come scegliere quello giusto?

da , il

    Asilo nido pulizia

    Scegliere l’asilo nido per il vostro piccolo non è assolutamente facile: sono tantissime le variabili da tenere in considerazione ma soprattutto l’ansia della mamma che per la prima volta lascia il suo bambino per tornare al lavoro. Credo sempre che il passaparola tra amiche o persone fidate sia la cosa migliore: affidatevi alle esperienze di donne che hanno già sperimentato una struttura, in questo modo potrete essere abbastanza sicure. Affidarsi però a un asilo nido, vi consente di tornare al lavoro in tutta tranquillità e di godere meglio del tempo che passerete con i vostri bambini. Ecco alcuni consigli che vi guidano nella scelta del miglior asilo nido.

    • Asilo nido educatori La prima cosa da fare è verificare la preparazione degli educatori che devono avere un diploma ed essere specializzati nell’assistenza alla prima infanzia. Ogni asilo nido prevede un periodo di inserimento del bambino: sfruttate questo tempo per farvi un’idea di chi avete di fronte. Evitate allarmismi, ma se qualcosa non vi torna o non vi piace cambiate struttura: se non altro per non vivere in angoscia le ore di distacco dal vostro piccolo.
    • Asilo nido passaparola Come dicevo, il modo migliore per farvi un’idea sull’asilo scelto è chiedere ad amiche o conoscenti che hanno già provato la struttura. I loro giudizi vi aiuteranno a farvi un’idea più chiara della struttura che avete scelto. Se le vostre amiche hanno già mandato i loro bambini ad un asilo, potrete essere certa della qualità di una struttura, senza dovervi preoccupare troppo.
    • Asilo nido iscrizione Non è un’esagerazione ma, se avete intenzione di mandare il vostro piccolo al nido, poco tempo dopo la nascita cominciate ad informarvi. Le liste d’attesa sono davvero lunghissime e molti asili hanno una retta da capogiro. Arrivare preparate al momento dell’iscrizione vi eviterà una buona dose di stress. Secondo una recente indagine di Cittadinanzattiva in Italia, la spesa annua media per un nido pubblico è di 3.000 euro di media e si raddoppia per quelli privati. Questi ultimi sono la soluzione scelta da molti genitori per evitare le lunghissime lista d’attesa di quelli pubblici.
    • Asilo nido pulizia Prima di iscrivere o pre-iscrivere il vostro piccolo all’asilo, chiedete di poter visionare la struttura. Controllate la disposizione degli spazi, la luminosità, la pulizia e anche la presenza di un giardino. Ovviamente anche la location ha la sua importanza: deve essere comodo per portare e riprendere il vostro bambino una volta uscite dal lavoro.
    • Asilo nido inserimento Per valutare la qualità di una struttura, il periodo di inserimento è fondamentale per far abituare il bambino a questa nuova esperienza: deve essere calibrato secondo le esigenze e l’individualità di ogni piccolo e rispondere alle richieste e ai dubbi dei genitori.

    Dolcetto o scherzetto?