Asili nido aperti di sera: così i genitori possono uscire

da , il

    Asili nido aperti di sera: così i genitori possono uscire

    Sono sempre più numerosi gli asili nido aperti di sera e da questo mese, tra Monza, Brianza, Lecco e Bergamo, ben 11 scuole materne comunali, un venerdì al mese, offriranno l’opportunità di lasciare i bimbi in custodia alle educatrici. Lo scopo? Permettere ai genitori di uscire e ritagliarsi un po’ di tempo libero per se stessi, mentre i bambini se la spassano al pigiama party.

    11 scuole comunali aprono la sera

    In realtà numerosi asili nido privati offrivano già questa opportunità, alcuni addirittura aperti 24 ore su 24, ma da questo mese anche le scuole comunali ampliano l’offerta andando incontro alle esigenze di mamme e papà. Succede tra Monza e Brianza e tra Lecco e Bergamo, dove 11 scuole comunali apriranno le porte anche di sera ai 300 bambini che attualmente le frequentano e persino ai loro fratelli, sorelle, cugini e amici. Le scuole coinvolte nell’iniziativa sono quelle di Besana Brianza, Brivio, Cisano Bergamasco, Cornate d’Adda, Lomagna, Mandello Lario, Olginate, Lecco, Osnago, Renate e Sotto il Monte.

    Il servizio di apertura serale costa ai genitori 15 euro ed è valido una volta al mese, di venerdì, per tutti i bambini dai 3 mesi ai 6 anni di età. L’orario di apertura va dalle 19:30 alle 22:30. Previsti pigiama party con tanti giochi, cene a base di pizza o con le pappe di mamma. E per concludere si va (quasi) a nanna indossando il pigiama.

    Cosa ne pensano genitori e sindacati

    L’iniziativa è piaciuta moltissimo ai genitori, difatti alcuni asili nido notturni hanno già ricevuto parecchie richieste. Anche il sindaco di Besana Brianza si è dichiarato felice dell’iniziativa, che permette ai genitori di conciliare meglio lavoro, casa, famiglia e tempo libero. Per non parlare dei nonni che spesso vengono interpellati in caso di necessità o uscite extra. Per quanto riguarda il parere degli psicologi dell’età evolutiva, essi affermano che poche ore serali trascorse lontano dai genitori sono assolutamente normali perché il distacco, in questo caso, è di breve durata e divertente.

    Purtroppo non sono mancate le polemiche: da un lato quelle dei sindacati preoccupati dei costi e delle educatrici, sottoposte a orari sballati, dall’altro quelle di chi ravvisa in questo servizio una forma di egoismo genitoriale. Che assurdità, si parla tanto della necessità di ritagliarsi del tempo libero per la coppia dopo l’arrivo di un figlio, che vuoi o non vuoi priva i genitori di intimità, e quando finalmente nascono delle iniziative di supporto carine, scoppia lo scandalo. Ma ricordiamoci che diventare genitori non significa annullarsi. Una donna è donna oltre che mamma, e al pari un uomo.