Allattamento, lo sport è consigliato?

da , il

    Allattamento sport

    Durante il periodo dell’allattamento al seno, che i pediatri consigliano di non interrompere almeno fino al compimento dei primi sei mesi di vita del bebè, la mamma brucia certo tante calorie, che deve reintegrare con un’alimentazione che sia quanto più equilibrata e salutare possibile, ma non sempre riesce a smaltire i chili accumulati durante la gravidanza. Per chi, poi, sia sempre stata abituata a fare attività sportiva, il periodo delle poppate può costituire uno stop forzato degli allenamenti, un po’ per necessità, e un po’ per mancanza di tempo.

    Tuttavia, sospendere gli allenamenti, o anche una semplice ripresa dell’attività fisica del tutto, può essere mortificante per le mamme che siano abituate ad andare in palestra o fare jogging o attività simili, per questo il quesito non appare ozioso: fare sport durante l’allattamento si può, oppure no? E’ utile, o può inibire la produzione del latte, e quindi influire sul corretto sviluppo del bambino?

    Allattamento e sport, lo studio USA

    Ricercatori USA dell’Università del North Carolina si sono presi la briga di affrontare la questione sport-allattamento al seno facendo una sintesi di tutti gli studi che sono stati fatti finora e che riguardavano soprattutto le possibili conseguenze sulla produzione di latte da parte della mamma se sottoposta a sforzi fisici. Ebbene, la buona notizia è che non ci sono controindicazioni, così come messo il luce nell’articolo sulla ricerca pubblicato sulla rivista Pediatrics.

    La neomamma può tranquillamente riprendere ad allenarsi, a fare esercizi e ad andare in palestra anche nei mesi in cui stia allattando esclusivamente al seno. Tuttavia, c’è una precisazione molto importante: l’attività fisica dovrà necessariamente essere moderata, perché allenamenti troppo intensi (pensiamo alle atlete che debbano rimettersi subito in perfetta forma dopo la gravidanza) possono provocare una produzione di acido lattico eccessiva, che finendo anche nel latte ne altererebbe il gusto, rendendolo amaro e indigesto per il piccolo. Ecco, perciò, l’attività fisica ideale in allattamento secondo gli esperti.

    Quale sport in allattamento?

    Subito dopo il parto, se non ci sono controindicazioni specifiche, la neomamma può riprendere a fare movimento, anche per smaltire il peso accumulato durante la dolce attesa. I ricercatori USA consigliano però una ripresa “dolce”, ad esempio, con una camminata a passo accelerato della durata di 15 minuti nei primi giorni, da allungare di due minuti al giorno fino ad arrivare ad un massimo di 45 minuti di passeggiata veloce al giorno. Un modo semplice e low cost per rimettere in moto i muscoli, per perdere qualche chilo e sentirsi di nuovo in piena forma, senza contare i benefici sull’umore. Se il tempo permette, è bello anche passeggiare con il passeggino, magari in compagnia di altre mamme, perché no!