Allattamento difficile: una ricerca ci svela il perchè

da , il

    In una ricerca norvegese si studia perché alcune donne hanno numerosi problemi durante la fase di allattamento. La causa sarebbe del tutto ormonale, infatti in queste donne ci sarebbero livelli decisamente alti di testosterone, l’ormone maschile, che causerebbbe una anomalia nello sviluppo del tessuto ghiandolare mammario da cui le difficoltà ad allattare il proprio bambino. I ricercatori del Norwegian University of Science and Technology sono giunti a questa conclusione dopo uno studio su 180 donne e i loro bambini. Si deduce che donne con livelli ormonali tipicamente femminili allatterebbero meglio.

    I ricercatori si guardano bene dal dare conclusioni affrettate dichiarando che non ci sono ricerche complementari che possono sostenere questo dato, che questa è la prima ricerca in tal senso e quindi andrà ulteriormente chiarita. Infatti spiega l’esperto Riccardo Davanzo, responsabile della Struttura di Rooming-in dell’IRCCS Burlo Garofolo di Trieste, che in realtà l’allattamento è molto di più che una combinazione ormonale maschile o femminile. Infatti c’è tutta una serie di fattori che vanno dal profilo psicologico di ogni donna, alle modalità ospedaliere al momento della nascita e nei giorni successivi di permanenza, dal supporto e incoraggiamento del personale qualificato, al sostegno del partner e delle rispettive famiglie. Il dottor Davanzo si fa sostenitore di una teoria lontana dalla biochimica e sposa la concezione secondo cui l’ambiente e la psiche sono i veri responsabile della capacità o meglio dell’inclinazione ad allattare. Per cui un intervento correttivo ormonale sarebbe l’ennesimo tentativo di medicalizzare un’azione che è tra le più naturali della storia umana.