Abolita la Storia dell’Arte nelle scuole, è vero?

da , il

    abolizione-storia-dell'arte-nelle-scuole

    Abolita la storia dell’Arte nelle scuole – Da giorni la notizia sta facendo il giro del web, ma qual è la verità? A quanto pare si tratta di una bufala, non esistono infatti provvedimenti, emendamenti o disegni di legge che decretano l’abolizione definitiva della Storia dell’Arte come materia di insegnamento. Scopriamo come sono andate realmente le cose!

    La Storia dell’Arte non è stata abolita dalle scuole

    L’abolizione della Storia dell’Arte nelle scuole è una notizia bufala, basata su informazioni errate risalenti a parecchio tempo fa. L’emendamento sotto accusa, il C 1574-A, è infatti fasullo, come si può verificare sul portale online della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei deputati e della Commissione dell’Istruzione in Senato. Esiste solo una legge omonima del ministro Carrozza e del premier Enrico Letta, che però nulla ha a che vedere con la Storia dell’Arte.

    L’insegnamento di tale materia ha comunque subito un drastico ridimensionamento, complice la riforma Gelmini. E’ stato eliminato dagli Istituti Tecnici e Professionali, dai Licei Classici e dagli Istituti Turistici, nonché parzialmente sospeso nelle scuole delle Scienze Umane, nei Licei Linguistici e in quelli Artistici, dove si è passati, chissà per quale assurda ragione, dalle sette alle tre ore.

    Nonostante la notizia fasulla, i tagli apportati ai danni dell’insegnamento della Storia dell’Arte nelle scuole sono concreti e innegabili. Com’è possibile che ciò accada in un paese a così alta vocazione artistica, in cui i beni culturali rappresentano la principale risorsa nonché il 15,3% dell’economia nazionale? Non andrebbe piuttosto incrementata? A voi l’ardua sentenza!