A Milano i nomi bambini preferiti del 2012 sono Lorenzo e Giulia

da , il

    Nomi bambini 2012

    Lorenzo e Giulia, classici, semplici. Sono i nomi più “dati” ai bambini milanesi in questo inizio del 2012, secondo i dati dell’anagrafe cittadina. Tramontati, a quanto pare, già da diversi anni, i nomi esotici, stranieri o troppo pretenziosi, ma anche quelli più legati alla tradizione della città meneghina. Carlo e Ambrogio, i due santi patroni di Milano non attraggono più le mamme e i papà come una volta, quando si faceva a gara per averne almeno uno in famiglia. E anche il classico Luisa, per le bimbe, non viene più scelto. Ma questo è forse dovuto al fatto che non tutti i nuovi nati cittadini sono di “pura” origine autoctona.

    Tantissime, infatti, sono le coppie che si sono spostate nel capoluogo lombardo da altre zone d’Italia per motivi di lavoro, e naturalmente le scelte relative ai nomi da imporre ai propri figli non sono certo condizionate dalle tradizioni locali. Tuttavia, scorciando la classifica, si nota davvero un ritorno alla classicità e alla “sobrietà” (parola d’ordine del momento) anche un po’ “polverosa”, infatti tra i nomi femminili primeggiano, dopo la succitata Giulia, Matilde, Sofia, Viola, a seguire Margherita, Alice, Emma, Sara, Aurora…

    Veniamo ai maschietti, subito dopo Lorenzo (in città dal primo gennaio ne sono nati già 23) troviamo Alessandro, Francesco, Matteo, Pietro, Tommaso, Luca… E i nomi stranieri dei bimbi figli di cittadini extracomunitari? Ci sono anche loro, naturalmente, e tra questi i più gettonati, a seconda della provenienza geografica e religiosa, sono Hana Islam o Huixuan Jenny per le bambine, e Ishayattaha e Amir per i maschietti.

    Curioso che tra i nomi femminili italiani, a Milano sia già “tramontata” la moda di Francesca, che in questi anni sembrava essere uno dei preferiti (del resto è anche un nome bellissimo), chissà se il trend sarà seguito nel resto dello Stivale. In ogni modo, scegliere il nome per il proprio figlio o figlia è sempre una grande emozione, ed è importante che i genitori siano d’accordo tra loro e che soprattutto non cedano all’impulso di imporre nomi “strani” che poi finiranno per creare disagio nei piccoli. Pensate, ad esempio, ai traumi dei baby vip, che non di rado si ritrovano con nomi assolutamente improponibili…

    Dolcetto o scherzetto?