5 divieti in gravidanza

5 divieti da rispettare in gravidanza: un quintetto di pessime abitudini o tentazioni a cui resistere quando c'è il pancione e una piccola vita che cresce dentro di esso.

da , il

    5 divieti in gravidanza. Un quintetto di “No” che sarebbe meglio tenere ben presenti quando si scopre di essere in dolce attesa, perché concedersi uno strappo alla regola una volta di troppo rischia di mettere in serio pericolo la salute del piccolo e compromettere il buon esito della gestazione. Ecco i 5 divieti da non dimenticare.

    No al fumo

    Un no deciso al fumo. Una pessima abitudine a prescindere, figuriamoci quando c’è una piccola vita che cresce dentro il pancione che assorbe tutte le sostanze potenzialmente tossiche assunte dalla mamma. La sigaretta può essere la protagonista di un vizio dal prezzo troppo alto da pagare: la lista di rischi a carico del nascituro è più lunga del previsto e va dall’interruzione spontanea della gravidanza all’alterazione dello sviluppo del sistema nervoso del neonato fino alla nascita sottopeso o prematuro del piccolo.

    No all’alcol

    Il dibattito sull’argomento è vivo e si accende a intervalli regolari, le future mamme possono concedersi un po’ di bevande alcoliche durante la gravidanza? La risposta, in linea di massima, dovrebbe essere negativa, perché tutto quello che la donna ingerisce, alcol compreso, passa al feto che sta crescendo dentro di lei. Se lo strappo alla regola, cioè mezzo bicchiere di vino ogni tanto, giusto per il brindisi può essere concesso, quando l’alcol non è centellinato, ma al contrario è assunto spesso e volentieri rischia di avere conseguenze negative sullo sviluppo cerebrale e cognitivo del bambino.

    No alla frutta e alla verdura non lavate

    Frutta e verdura, meglio se di stagione, dovrebbero essere i protagonisti indiscussi della dieta salutare. Anche e soprattutto di quella delle future mamme. Ma qualche cautela e attenzione in più è d’obbligo. In particolare, per evitare di ingerire sostanze tossiche o microrganismi pericolosi, frutta e verdura con la buccia vanno lavati con attenzione prima del consumo. Allo scopo, in alternativa ai prodotti disinfettanti appositamente presenti in commercio, si può utilizzare il bicarbonato.

    No agli insaccati e ai cibi crudi

    Da bandire, per tutelare la salute del nascituro, il consumo della maggior parte degli insaccati, della carne cruda e del pesce crudo. In particolare, tra i salumi sono consentiti solo quelli cotti, come la mortadella o il prosciutto cotto, mentre sono da considerare off limits salame, prosciutto crudo & co. La colpa? Del rischi infezione da toxoplasmosi, una malattia che se contratta normalmente è innocua, ma se colpisce durante la gravidanza può influire negativamente sullo sviluppo del feto.

    No ai farmaci

    Come ogni altra sostanza, anche quelle contenute nei medicinali andrebbero bandite o, in casi particolari, limitate e somministrate solo previo parere del ginecologo curante. In particolare, se alcuni farmaci non sono sconsigliati, come il paracetamolo, altri sono tassativamente da evitare: no, quindi al fai da te o alle scelte frettolose, meglio chiedere sempre consiglio al proprio medico prima di assumere qualsiasi medicinale durante i nove mesi.