5 consigli pro concepimento

5 consigli utili per favorire il concepimento, per aumentare le probabilità di diventare genitori, di provare la gioia della gravidanza.

da , il

    Consigli pro concepimento

    5 consigli pro concepimento. Un quintetto di suggerimenti preziosi per dare la spinta giusta al destino, per favorire il concepimento e l’arrivo della tanto attesa gravidanza. Dall’età allo stile di vita, meglio non sottovalutare nessun aspetto importante quando si è alla ricerca di un bambino.

    1. Non aspettare troppo

    Coppia cocnepimento

    Sì, perché uno dei fattori da non tralasciare, quando si tratta di concepimento e gravidanza, è proprio l’età. Basti pensare che, dopo i 35 anni, per la donna, le possibilità di diventare mamma diminuiscono progressivamente, perché la sua fertilità è inversamente proporzionale alla sua età. Ma se la fertilità femminile ha gli anni contati, anche quella maschile ha un rapporto conflittuale con il tempo che passa. Infatti, l’età, anche se in minori proporzioni, ha effetti negativi sulla vitalità e sulla mobilità degli spermatozoi.

    2. Sfruttare la fertilità

    Sfruttare fertilità

    Per favorire il concepimento è necessario che la donna impari a conoscere se stessa e a riconoscere i segnali che il suo corpo le manda. In particolare, è fondamentale saper individuare il proprio periodo di massima fertilità, che coincide con la fase ovulatoria del ciclo mestruale, fra il decimo e il quindicesimo giorno di un ciclo mestruale normale di 28 giorni. Un elemento da non sottovalutare, perché è proprio in questa particolare fase, che aumenta la produzione di estrogeni, gli ormoni che predispongono l’organismo femminile al concepimento. Per individuare con più probabilità il picco di fertilità, ci sono alcuni segnali da recepire: la tensione mammaria; quando i sensi e i riflessi diventano più attivi e le percezioni più intense; quando sente gli odori con maggiore facilità.

    3. Un test per non sbagliare

    Test ovulazione concepimento

    E se l’intuito femminile potrebbe fare “cilecca”, per individuare il periodo di massima fertilità, ci si può affidare a test specifici. Il test ovulatorio fai da te, che evidenzia le fasi di massima fertilità analizzando le urine della donna e misurando le variazioni dell’ormone LH, l’ormone luteinizzante, che nelle ore precedenti l’ovulazione ha un incremento estremamente rapido, che dura mediamente 24 ore. Individuando con precisione il picco ormonale che precede il rilascio dell’ovulo, il test è in grado di datare, in modo affidabile, i due giorni durante i quali le probabilità di concepimento aumentano. Preziosi alleati del concepimento, facilissimi da usare: si tratta di uno stick, che dopo il contatto con l’urina, deve essere inseriti in un apposito dispositivo che evidenzia la presenza del picco Lh.

    4. Mangiare bene

    Sana alimentazione

    Anche in questo caso, una fase decisiva della partita si gioca a tavola. Sì, perché anche ai fini del concepimento conta (eccome) cosa si mangia. Per aumentare le probabilità di successo, quando l’obbiettivo è diventare mamma e papà, meglio seguire un regime alimentare salutare, preferendo i cibi ricchi di sostanze preziose per l’organismo. In particolare, una delle scelte più sagge è la dieta mediterranea, che garantisce il giusto apporto di nutrienti: frutta e verdura ogni giorno, almeno tre porzioni quotidiane; i cereali integrali invece di quelli raffinati; due volte la settimana, il pesce azzurro, ricco di Omega 3; olio extravergine di oliva, che contiene vitamina E e polifenoli, per insaporire i piatti.

    5. Un po’ di sport

    sportgrav01

    Sì alla sana alimentazione, ma sì anche a un po’ di movimento. Perché mangiare bene aiuta, ma muoversi, fare sport regolarmente è altrettanto fondamentale. Infatti, praticare regolarmente attività fisica garantisce il benessere psicofisico di tutto l’organismo, apparato genitale e cellule riproduttive compresi. Una buona dose di sport migliora l’umore, il tono muscolare, il livello di energia e diminuisce il carico di stress, uno dei nemici più temibili della fertilità e del concepimento. Il consiglio è di ritagliarsi il tempo necessario per allenarsi per almeno un’ora tre volte la settimana.